advertisement

Barcellona letteraria: gli itinerari di Carlos Ruiz Zafon

Redazione

I romanzi appassionano milioni di lettori in tutto il mondo ma, ci sono alcuni in grado di fare innamorare che legge dei luoghi in cui è  ambientato. è il caso de L’ombra del vento e della città di Barcellona. 

advertisement
Barcellona letteraria: gli itinerari di Carlos Ruiz Zafon

Barcellona è tra le città più belle e famose della Spagna ma, dopo l’uscita del best seller scritto da Carlos Ruiz Zafon abbiamo conosciuto un aspetto della città che molti nemmeno sospettavano. L’ombra del vento è il titolo del libro, uscito nel 2001 e da allora continua ad essere uno dei libri più venduti. La storia parla di un giovane, Daniel Sempere che vive con suo padre, proprietario di un piccolo negozio di libri usati, a Barcellona. Una mattina suo padre lo porta nel Cimitero dei Libri Dimenticati, una spettacolare e gigantesca biblioteca, nella quale vengono conservati migliaia di volumi.

LEGGI ANCHE: Barcellona in 3 giorni

Tra questi dovrà sceglierne uno dei libri e promettere di averne cura per tutta la vita. Il libro che sceglierà sarà, appunto, L’ombra del vento dello sconosciuto autore Julian Carax. Di qui tante avventure dovrà affrontare il giovane. L’intera opera mostra scorci della città di Barcellona conosciuti a pochi e la riveste di un velo di mistero e malinconia nuovo per chi ha già visitato la città, capitale della movida e del divertimento. Ecco quindi che volgiamo mostrarvi una Barcellona letteraria, quella che non conoscevate, quella che appare nel romanzo L’ombra del vento. Di seguito 5 dei posti citati nel libro che è possibile tutt’oggi visitare.

advertisement

Il fascino unico e misterioso della Barcellona letteraria

  1. Portal de l’Angel: in prossimità di una delle vie più frequentate dai turisti appassionati di shopping, l’Avinguda del Portal de l’Angel, si trova Calle Santa Ana, dove ha sede la famosa libreria di cui si narra nel libro, quella di Sempere padre e figlio.
  2. Els Quatre Gats: un altro dei posti di cui troviamo traccia nel romanzo è Els Quatre Gats, un storico locale barcellonese fondato alla fine del 1800 e punto di incontro degli intellettuali dell’epoca. All’interno di questo locale, Daniel incontra Gustavo Barcelò, il libraio antiquario al quale si rivolge per avere chiarimenti su “L’ombra del vento”.
  1. Il Cimitero dei Libri Dimenticati: forse il luogo più importante citato nel libro, purtroppo, però, questo posto è frutto della fantasia dell’autore ma, il luogo dove dovrebbe sorgere esiste davvero: si tratta di Carrer de l’Arc del Teatre, un vicolo piccolo e stretto del Raval.
  2. Plaça Reial: è la già famosa piazza resa ancora più celebre dal romanzo. È qui che il protagonista si reca per leggere libri a Clara, la bellissima e cieca nipote di Don Gustavo Barcelò, della quale si è perdutamente innamorato.
  3. Monumento a Cristoforo Colombo: situato alla fine della Rambla è il monumento ai piedi del quale Daniel parla per la prima volta con lo sconosciuto che vuole acquistare la sua copia de L’ombra del vento.

Quando il fascino di un romanzo ci coinvolge ed abbiamo la possibilità di visitare il luoghi che fino ad allora abbiamo solo immaginato con la nostra mente, dobbiamo fruttare l’occasione e , in questo caso, buttarci nei vicoli della Barcellona letteraria.

Immagine di copertina: pixabay.com

advertisement