advertisement

Le 10 città più brutte al mondo: le mete da cancellare per evitare una vacanza orrenda [FOTO]

Redazione

Un tour virtuale “horror” tra le 10 mete assolutamente da evitare

advertisement

Quando si parte per una vacanza si cercano i posti più belli al mondo da vedere o le città più amate e con maggiori attrattive turistiche. Questa volta invece siamo andati alla ricerca delle città più inquinate, pericolose ed invivibili. In poche parole, le 10 città più brutte al mondo. Perché? Be’ magari perché le puoi aggiungere nella tua agenda sotto la voce “città da evitare”. O se sei un amante del brivido, le puoi mettere sotto la voce “città da visitare”. Signori e signore, allacciatevi le cinture, si parte per questo tour virtuale horror.

Caracas, capitale del Venezuela e della criminalità

Quando si pensa al Venezuela vengono in mente le bellezze latinoamericane, la salsa, le notti piene di divertimento ed i rum bevuti nei peggiori bar di Caracas. Appunto Caracas, capitale del Venezuela ma anche della criminalità. Nella città si contano ben 19 omicidi al giorno, nessun’altro posto al mondo ne conta così tanti. Omicidi e crimini di tutti i generi: delitti passionali, guerre tra bande, terrorismo, sequestri, estremismo politico, polizia corrotta e chi più ne ha più ne metta. Per non parlare delle orrende baraccopoli ai margini della città. Insomma, Caracas non è il luogo ideale per una vacanza con moglie e figli.

Detroit, la prima città che ha dichiarato fallimento

Hai mai sentito parlare di una città che dichiara fallimento? Ebbene Detroit nel 2013 è stata la prima città a farlo. Le case erano in vendita ad un equivalente di 50, 200 o 300 euro. Un affare? Non proprio. Detroit è talmente brutta, sia come estetica che come qualità della vita, che nell’ultimo decennio un quarto della popolazione ha cambiato aria. Una città fatta di mattoni e cemento, e che ha uno dei tassi di criminalità più alti di tutti gli Stati Uniti e con continue tensioni razziali. Non proprio il massimo della vita.

Norilsk, inferno siberiano

Norilsk è una città della Siberia settentrionale, durante gli inverni la temperatura può raggiungere i -40 gradi, mentre per circa 130 giorni all’anno ci sono tempeste di neve e vento fortissimo. A proposito, è anche una delle città più inquinate al mondo per la produzione delle sostanze chimiche dall’elevata tossicità. Inoltre ci sono delle restrizioni di accesso per gli stranieri. A parte tutto questo, per il resto è un posto vivibile…

Pyramiden, la città-fantasma norvegese venduta alla Russia

Probabilmente faticherai a trovare la città di Pyramiden sulla cartina geografica o sul mappamondo. Fa parte del complesso delle isole Svalbard ed è stata venduta alla Russia. Il suo nome deriva dalla forma piramidale della montagna alle spalle della città, ma a parte questo non c’è nessuna attrattiva. Anzi, a dire il vero non c’è proprio nessuno. E’ una città-fantasma dove non troverai più di 10 persone, mandate lì per gestire un albergo aperto nel 2011. Puoi alloggiare lì, se proprio ci tieni a visitare questo “paradiso terrestre”.

advertisement

Vapi, India

Mai stato a Vapi? No? Bene, non ci andare mai. Si trova in India ed è una vera catastrofe di città. Il traffico è selvaggio, con la particolarità che non esistono strade asfaltate. Se vuoi farti un giro per la città sappi che affronterai un clima torrido, e occhio a ladri, borseggiatori e criminali che passeggiano indisturbati per la città. Quasi dimenticavo, vengono esposti a cielo aperto ogni giorno rifiuti chimici che friggono sotto al sole, inquinando terra, aria ed acqua. Chiusura col botto: l’aspettativa di vita media non supera i 35 anni.

Linfen, trappola oscura della Cina

Cerchi la morte dei sensi? La troverai a Linfen, in Cina. E’ la città più inquinata al mondo, a causa delle miniere di carbone e dei numerosi complessi industriali. I casermoni ed i dormitori circostanti le industrie non fanno altro che rendere ancora più brutto l’intero paesaggio, costantemente cupo e oscuro per l’incredibile cappa di smog che avvolge la città.

Dakha, Bangladesh

Il rapido sviluppo industriale di Dakha, Bangladesh, riempie quotidianamente la città di smog e ha portato il tasso di inquinamento ad un livello altissimo. Mettiamoci anche instabilità politica, attentati di gruppi estremisti islamici, guerre e disastri naturali. Diciamo che si può trovare un posto migliore per andare in vacanza, ma se vuoi lo puoi suggerire come luogo di villeggiatura al tuo capo.

Lagos, Nigeria

Lo spettacolo attorno la città di Lagos è davvero deprimente. Baraccopoli popolose e superaffollate, senza alcun servizio igienico. La microcriminalità fiorisce e ad ogni angolo si trova un gang che potrebbe tranquillamente derubarti alla luce del sole. Rapine, scippi e furti sono all’ordine del giorno. No, sinceramente non troviamo nemmeno un buon motivo per andare a Lagos.

Pyongyang, Corea del Nord

Come è noto in Corea del Nord vige un regime dittatoriale militare comunista. La capitale Pyongyang ne è il simbolo, e non farti incantare dalla facciata di modernità che potrebbe farla apparire come una città occidentale. Qui sono vietati i più comuni diritti umani. Inutile provare a cambiare stazione radio o canale alla tv se se lì, ce n’è uno solo ed è controllato dal governo. E non pensare di poter girare liberamente in bicicletta. Anche questo è vietato per evitare incontri, movimenti e interazioni tra le persone.

Chernobyl, Ucraina

Dopo il disastro nucleare del 1986 Chernobyl è diventata tristemente famosa. Molte persone ed animali hanno subito menomazioni e trasformazioni orribili a causa delle radiazioni. Oggi, a quasi trent’anni di distanza, poco o nulla è cambiato. Paesaggio spettrale, chilometri e chilometri di strade totalmente deserte, palazzi disabitati, laghi e fiumi avvelenati. L’ultimo posto da visitare in tutto il globo terrestre.

Siamo giunti alla fine di questo tour virtuale degli orrori delle 10 città più brutte del mondo. Poi se ami l’avventura e le emozioni forti, accomodati pure e visita uno di questi posti. Se torni vivo facci sapere come è andata, ma non dire che non ti avevamo avvertito!

advertisement