Hurghada, cosa fare e cosa vedere

Eleonora

Se stai pensando di andare in un posto caldo tutto l’anno, con mare bellissimo ma non caotico, la nostra proposta è Hurghada, una città dell’Egitto con km di coste bellissime.

Considerata la Regina del Mar Rosso, la città di Hurghada rappresenta una perla egiziana il cui boom turistico, esploso negli anni ‘80, è in continua espansione. Questa splendida cittadina di 100 mila abitanti è visitata tutto l’anno grazie al clima favorevole ed è affollata da turisti di tutto il mondo.

Per chiunque voglia viaggiare in Egitto ed evitare l’inflazionata Sharm El Sheik, Hurghada si rivela la scelta vincente.

Dove si trova Hurghada

Hurghada si estende per 30 km lungo la costa del Mar Rosso ed è situata all’imbocco del Golfo di Suez. Una serie di resort costeggiano le spiagge fino a confluire nel Deserto Orientale, creando uno scenario paesaggistico degno di nota.

egitto hurghada

Hurgada villaggi (Foto©Pixabay)

Cosa vedere a Hurghada

Se l’idea di vacanza prevede una distesa di mare, un clima favorevole tutto l’anno e dei resort che affaccino su bellezze paesaggistiche mozzafiato, allora Hurghada è la risposta.

La città si divide principalmente in tre zone: El Dahar che costituisce la parte più vecchia, Sekalla la più moderna e El Kora Road che è la più recente. Questa meta egiziana è gettonata per essere rilassante e sebbene non sia provvista di luoghi di interesse come musei o monumenti caratteristici, ci sono luoghi vicini, come il sito archeologico di Luxor, intrisi di storia e tradizione locale.

Mare e spiagge di Hurghada

Il vessillo delle città egiziane è senza dubbio il mare. Ad Hurghada, infatti, questo soddisferà le voglia anche dei turisti più esigenti. La città è considerata il paradiso tropicale del Mar Rosso per le affascinanti spiagge e l’incontaminato mondo sottomarino. Le distese di sabbia superano i 30 km e prendono l’intera costa dell’Egitto, fino al confine col Sudan. Oltre alle spiagge di cui rimarrete soddisfatti, merita un encomio la barriera corallina. In Hurghada sono in voga lo snorkeling e le immersioni.

hurgada egitto

Villaggi hurghada (Foto©Pixabay)

Cosa fare a Hurghada

Come già anticipato i luoghi di interesse in Hurghada sono ridotti all’osso ma non per questo la città è da considerarsi monotona. Qui, infatti, tra attività marine ed escursioni, vita notturna e commercio la vitalità è sempre in agguato.

A El Dahar, la città vecchia, è possibile passeggiare per negozi e il classico clima chiassoso da mercato renderà il tutto ancor più folkrostico. Lo scenario offerto dal Mar Rosso e dalla sua incontaminata bellezza apre le porte agli sport acquatici. Lo snorkeling è senza dubbio il primo in classifica. Particolarmente richieste sono anche le immersioni, complici una serie di isole disabitate i cui contorni sono completamente naturali.

Per la sera è fondamentale passeggiare per la Sekala, la parte più moderna della città che offre una serie di hotel alle spalle dei quali spuntano discoteche, ristoranti e locali.

Cosa mangiare a Hurghada

Gli italiani fuori patria dovranno sempre armarsi di buona pazienza. A Hurghada ci sono molte ricette egiziana all’interno delle quali saranno frequenti verdure, frutta e legumi. I Meze, cioè gli antipasti, vengono serviti col pane prima di ogni pasto principale. Tra questi: l’hummus, un piatto insaporito al cumino, il dugga, frutta secca, spezie e semi e baba ghannoug, una salsa a base di melenzane e condita con olio, aglio e aromi. In genere il pane servito è quello tradizionale egizio e cioè la pita.

I piatti principali sono vari e quasi tutti contraddistinti da spezie e sapori forti, tra questi annoveriamo il mulukhiya, zuppa di foglie varie con aglio, coriandolo e brodo di carne o pesce e il kushari, piatto di pasta e salsa al pomodoro con riso e legumi. Le bevande tradizionali sono gli infusi, tè e caffè dal sapore intenso sono quelle più gettonate.

mar rosso hurghada

Villaggi a hurghada (Foto©Pixabay)

Come arrivare a Hurghada

Volare in Egitto è diventato ormai un cliché e le varie compagnie aeree offrono una serie di viaggi comodi per raggiungere la meta. A meno di 10 km da Hurghada vi è un aeroporto internazionale di ultima costruzione e i cui atterraggi dall’Italia sono previsti circa 2 volte alla settimana. Se Hurghada invece non è la prima città egiziana visitata ma si è già in paese, sarà facile da raggiungere grazie ai bus locali.

Eventi a Hurghada

Oltre alle immersioni, escursioni in quad per un entusiasmante Safari, il tour di pesca e molto altro vi sono una serie di eventi che sarebbe bene segnare in agenda. Le 1001 Notti show, spettacolo di suoni e luci di Giza Pyramids comprensivo di cena, live show e concerti daranno vita a un fitto calendario di appuntamenti che renderanno la vacanza ancor più coinvolgente.

Quando andare a Hurghada

Il clima favorevole 12 mesi l’anno permette maggiore libertà nella scelta del periodo vacanziero a Hurghada. Il clima desertico, a causa dell’ubicazione della città, garantisce la quasi totale assenza delle precipitazioni. Il sole oscilla dai 22 ai 40 gradi e permette quindi di andare in spiaggia tutto l’anno. Le temperature sono decisamente più fresche in inverno ma comunque tropicali, ecco perché si consigliano questi per una vacanza in Egitto.

villaggio hurghada

Hurghada egitto (Foto©Pixabay)

Cosa vedere nei dintorni di Hurghada

Chi si trova a Hurghada sa che la costa egizia e il Mar Rosso offrono una serie di punti nevralgici da cui non ci si può negare. A Nord della cittadina, a circa 20 km troviamo El Gouna, una città lussuosa che si sviluppa su una laguna del Mar Rosso. Si tratta di una serie di isolette artificiali legate tra loro da ponticelli in legno. A Sud della città troviamo invece Soma Bay, un piccolo paradiso cristallino dall’incantevole mare. Hurghada è inoltre a 300 km da Luxor, 500 da Il Cairo e 280 da Marsa Alam.

Cosa non fare a Hurghada

Spostarsi in un luogo così diverso dalla propria cultura può destare qualche preoccupazione ma al viaggiatore basteranno poche utili mosse per sopravvivere serenamente al cambio. L’Egitto è moderno a differenza di quel che si possa pensare ma vi sono una sere di quartieri caotici, congestionati dal traffico e dismessi quindi è bene avere chiara la meta e soprattutto spostarsi sempre in gruppo, soprattutto per le donne. La struttura sanitaria è buona ma è obbligatorio esibire il vaccino contro la febbre gialla. Se l’intenzione è quella di guidare poi, è bene prepararsi all’idea di un traffico indisciplinato e fuori controllo.

In quanto paese musulmano è necessario rispettarne le usanze: non bere alcolici in pubblico durante il Ramadan e usare un abbigliamento idoneo e non succinto lungo le strade.

Dove dormire a Hurghada

Hurghada offre ampia scelta all inclusive per il soggiorno. La città infatti si è evoluta soprattutto in campo turistico ed è una distesa di spiagge, resort e hotel. Innanzitutto è importante sapere che tra sabbia, isole vergini, barriere coralline e molto altro la scelta è più che vasta ed è importante scegliere la zona che si preferisce: è indicato soggiornare a Sekalla se si preferisce anche una vita notturna da abbinare a quella diurna con attività 24 ore su 24. Questa zona è ricca di hotel che fanno anche al caso di famiglie con bambini e non mancano strutture di lusso. Caso contrario si può optare per qualcosa di più tranquillo e intimo a El Dahar. Il prezzo medio è di 130 euro a notte e nella maggior parte delle strutture vige la politica dell’all inclusive.

Qualsiasi scelta sia, Hurghada è a portata di ogni esigenza e portafogli.

LASCIA UN COMMENTO »