San Pietroburgo, cosa fare e cosa vedere

Monica

San Pietroburgo è una città portuaria della Russia che affaccia sul mar Baltico. Ecco una guida completa su San Pietroburgo, cosa visitare e cosa fare.

San Pietroburgo, soprannominata la “Venezia del Nord”, la città vanta palazzi eleganti costeggiati da canali che sfociano nel porto più importante della Russia.

Fondata nel 1703 da Pietro il Grande come “finestra sull’occidente” è oggi la metropoli che l’imperatore sognava: un perfetto connubio tra Europa e Russia nelle loro culture e tradizioni.

Offre davvero molto ai visitatori. Colta e raffinata con la sua architettura, arte e teatro e più di 250 musei; romantica e dall’atmosfera antica, ma con un occhio affacciato al futuro.

Dove si trova San Pietroburgo

La metropoli più vicina al Circolo Polare Artico; un porto molto importante, costruita sul delta del fiume Neva, il quale sfocia nel mar Baltico. È vicina all’Estonia e alla Finlandia, la sua area comprende anche isole di varie dimensioni.

Cosa vedere a San Pietroburgo

Anche se viene dopo Mosca in ordine di importanza ed è di costruzione molto più recente, San Pietroburgo rimane la città più amata dai turisti stranieri che visitano il paese e la seconda meta per i visitatori Russi. Racchiude attrazioni per tutti i gusti: musei, architettura, storia, monumenti e paesaggi.

Chiesa del Sangue Versato

È la chiesa più fotografata della città. Sorge sul luogo dell’assassinio dell’ultimo zar Romanov, Nicola II. È caratterizzata da cupole colorate e decorate, sormontate da enormi croci dorate. Contrasta nettamente con gli altri edifici, di stile neoclassico, del centro città.

Cattedrale di San Isacco

Una chiesa particolare, fu l’ultima costruita in stile neoclassico. Le sue strutture sono molto stravaganti tra cui: la cupola d’oro, le colonne di malachite e azurite (minerali di colore verde e blu) e la costruzione fatta di granito della Finlandia, appositamente importato.

Hermitage

È una delle attrazioni principali della città ed uno dei musei più famosi al mondo. Questo museo conta più di 3.000.000 di pezzi che provengono da tutto il globo. Il museo è ospitato all’interno del famoso ‘Palazzo d’Inverno’ che è già di per sé un’attrazione. L’inizio della collezione è merito di Pietro il Grande, mentre l’istituzione del museo risale all’epoca di Caterina II.

Cattedrale di Nostra Signora di Kazan

Ispirata alla Basilica di San Pietro di Roma. La chiesa ha colori più sobri rispetto alle altre che la circondano. È composta di 114 colonne che abbracciano una piazza antistante ed una cupola centrale. Ha ospitato il museo di stato di Ateismo e Religione per molti anni.

Fortezza dei Santi Pietro e Paolo

Un edificio progettato da Pietro il Grande in persona. È una cittadella di stile militare che è stata anche una prigione. All’esterno è austera e spoglia, mentre all’interno sorprende con il suo stile barocco. Nella chiesa sono custoditi i resti della famiglia dei Romanov.

Complesso del Peterhof

Definito la “Versaille Russa” questo edificio fu costruito per ospitare la corte imperiale di Pietro il Grande. Si compone di un insieme di palazzi, giardini sontuosi e fontane ornamentali, tra cui la più importante è la “Grande cascata”. È patrimonio dell’UNESCO dal 1990.

Cosa fare a San Pietroburgo

Oltre a visitare il centro città, a San Pietroburgo si possono provare tutti i tipi di attività culturali e mondane. Ci sono locali alla moda, ristoranti di classe, gallerie d’arte e mostre di tutti i tipi. Non per niente è soprannominata “Capitale culturale”.

Cosa mangiare a San Pietroburgo

Ci sono molti cibi Russi da assaggiare assolutamente, tralasciando quelli più conosciuti, tra questi entrano nella top 5:

  1. Pelmeni, ravioli ripieni di carne conditi con panna acida e aneto;
  2. Blini, frittelle fatte di grano saraceno, che si gustano sia dolci che salate;
  3. Pirozhki, panini fritti con molti ripieni diversi;
  4. Okrochka, una zuppa di verdure fredda a base di bevanda di segale, molto nutriente e dissetante nel periodo estivo;
  5. Morozhenoe, gelato russo che incredibilmente si mangia tutto l’anno.

Come arrivare a San Pietroburgo

Il mezzo più comodo per raggiungere la città è l’aereo, ci sono 2 possibilità, entrambe vicine: atterrare in Finlandia oppure all’aeroporto della città (LED). Si può inoltre entrare in città da qualsiasi stazione delle maggiori città Europee via treno, la più comoda dall’Italia è probabilmente Berlino.

Eventi a San Pietroburgo

L’evento più importante della città sono le “Notti Bianche”, scritte anche da Dostoevskij nell’omonimo racconto. Si tratta di momenti in cui il sole illumina la zona geografica dove è situata la città, per ben 18 ore al giorno; di conseguenza c’è il sole anche di notte.

Dalla fine di Maggio ad inizio Luglio con un picco a metà Giugno. Sono giornate che si festeggiano in molte città Baltiche, ma in particolare a San Pietroburgo sono piene di manifestazioni, dato che è la sola città al mondo dove si presentano ogni estate. Ci sono anche molti altri tipi di eventi, per tutti i gusti si può festeggiare la “Maslennitsa” ( Settimana Grassa); incontrare la nave a Vele Scarlatte al porto, fare una corsa sulla mitica motocicletta Harley Davidson al motofestival in Agosto, guardare film al cine festival.

Quando andare a San Pietroburgo

Il clima di San Pietroburgo è caratterizzato da piogge frequenti e vento forte. Inoltre la temperatura rimane sotto i 10 gradi centigradi per la maggior parte dell’anno. Gli unici mesi più miti sono quelli estivi, che sono quindi il periodo migliore per visitare agevolmente la città.

In inverno le nevicate sono frequenti e la temperatura rigida, tuttavia la città assume un fascino diverso e merita una visita anche in questa stagione (meglio se nel periodo Natalizio).

Cosa vedere nei dintorni di San Pietroburgo

Tra le tante attrazioni anche al di fuori della città 3 meritano una speciale menzione:

  1. Isola di Vasil’evskij: è collegata tramite ponti al centro città, quindi facilmente raggiungibile, ospita edifici non turistici ma molto importanti: alcuni musei, università, accademia di belle arti, etc;
  2. Slissel’burg e fortezza di Oresek: una città medievale con una isola-fortezza;
  3. Crociera sul golfo di Finlandia e delta della Neva.

Dove dormire a San Pietroburgo

In città sono disponibili tutti i tipi di alloggi dagli hotel di lusso agli ostelli passando per gli appartamenti. I prezzi sono simili alle altre mete Europee, in media 60 euro a notte per un bed and breakfast, 80 euro per un hotel, 50 euro per un appartamento e 15 euro per un ostello.

Le case vacanza Russe possono sembrare malridotte esternamente, ma internamente sono (quasi tutte) finemente ristrutturate e piene di confort, mentre gli standard degli hotel sono leggermente inferiori (anche quelli a 5 stelle) al resto d’Europa.

Cosa non fare a San Pietroburgo

Alcune tradizioni sono sacre in Russia come il bere la vodka. Assolutamente vietato berla accompagnata da succo di frutta o da bevande leggere, se lo farete sarete di certo bersaglio di sguardi non amichevoli. Al massimo potete accompagnarla con del cibo, per reggerla meglio.

Le chiese sono sempre aperte a tutti, anche durante le celebrazioni, ma i Russi sono molto sensibili al rispetto in tali luoghi. Se volete entrare durante una messa, siate silenziosi e muovetevi troppo, se invece entrate in un momento di pausa ricordate soltanto di coprire il capo e il corpo se siete donne, e di togliere il cappello e indossare pantaloni lunghi, se siete uomini.

Solitamente, si possono trovare fuori dai luoghi di culto abiti usa e getta o da restituire all’uscita, pensati per i visitatori meno previdenti.

Attenzione a cosa fotografate. Si sa che in Russia le regole sono rigide, molti visitatori vengono multati o addirittura arrestati, soltanto per aver scattato una foto ad un edificio governativo, militare o di altro tipo ufficiale. Se avete dubbi, non scattate foto.

LASCIA UN COMMENTO »