advertisement

Seychelles: cosa fare e vedere nel paradiso dell’oceano indiano

Monica

Descrivere questo famoso arcipelago è quasi impossibile. È meta ormai di viaggi in tutto l’anno e l’atmosfera che lì si respira è indescrivibile: le isole Seychelles hanno un fascino tutto particolare ed ecco perché dovresti proprio partire.

advertisement

Mare, sole, caldo, pesci, uccelli migratori, natura incontaminata,… Un elenco di bellezze che potrebbe non finire mai: questo sono le Seychelles. Esplorare queste isole ti farà capire quanto la natura possa darci ancora tanto e la cosa bella è che sono esplorabili 12 mesi all’anno grazie alla vicinanza all’equatore.

La storia di questo arcipelago è stata un po’ difficile e ciò è dovuto alle tante dominazioni che per di lì sono passate. C’è però ora finalmente la pace e tanti sono i turisti da tutto il mondo che non vogliono perdersi queste bellezze naturali. Se anche tu vuoi viaggiare al caldo per un periodo di avventure e relax, non ti resta che volare verso il più famoso arcipelago dell’oceano indiano.

Seychelles: la storia

Innanzitutto dobbiamo dire che le isole Seychelles sono collocabili nell’Africa orientale e costellano l’oceano indiano. Sono 115 e ce ne sono di più o meno grandi. Oggi è uno stato indipendente africano e vi è anche la repubblica, ma le sorti di questo arcipelago sono state per lungo tempo nel segno della contesa tra francesi e inglesi.

Non si sa chi sia arrivato per primo a mettere piede lì, se gli austronesiani-malesi o se gli arabi. Sta di fatto che all’inizio del ‘500 ci arrivò Vasco da Gama e da qui partì la lunga storia che legò l’arcipelago all’Europa. In realtà non fu mai totalmente invasa, anzi, la sua natura selvaggia è stata preservata nei secoli ed è anche per questo motivo che oggi si ha la possibilità di vedere una natura stupenda e addirittura vegetali rarissimi come la palma del coco de mer o il pigliamosche del paradiso.

Quando andare alle Seychelles

La cosa bella di fare vacanze alle Seychelles è che non c’è un periodo preciso in cui devi andarci. Questo perché la sua posizione nelle vicinanze dell’equatore, la rende una zona calda tutto l’anno. Di media ci sono 27 gradi, l’umidità però è un po’ elevata e non va sotto il 70%, ma ci sono i venti caldi, ovvero gli alisei, che rendono l’aria leggera da respirare.

Diciamo che bisogna pensare ad un periodo preciso solo se hai delle precise attività che vuoi fare. Ad esempio se sei appassionato di bird watching, ovviamente i periodi migliori saranno quelli durante la stagione dell’amore, dunque a marzo-aprile, oppure durante le migrazioni quindi a inizio autunno. Se invece vuoi fare surf, trovi onde tutto l’anno. Se poi vuoi anche fare snorkeling, il periodo migliore è indubbiamente quello primaverile o magari quello autunnale perché solitamente il mare è più calmo.

Le isole principali delle Seychelles

Sono 3 i fiori all’occhiello più conosciuti nei pacchetti vacanze Seychelles: Mahé, Praslin e la Digue. Sono le 3 isole indubbiamente più conosciute, anche perché ad esempio a Mahé si trova l’aeroporto. Sempre a Mahé, oltre alle bellissime spiagge che avrai modo di vedere da te e in cui potrai fare tantissime diverse attività, c’è la capitale Victoria. È un po’ il centro culturale e storico dell’arcipelago, qui si respira il passato attraverso i ricordi.

advertisement

Praslin è un’isola deliziosa, a 45 km da Mahé e spesso meta di viaggi di nozze perché il panorama romantico che da lì si vede è qualcosa di unico. Ha spiagge lunghe e sabbiose e nelle vicinanze si può raggiungere la riserva marina in cui potrai salutare testuggini giganti dell’isola di Curieuse. Non dimenticare che qui c’è la famosa spiaggia con la palma coco de mer, unica al mondo. Un’esperienza da fare, se il mare è calmo, è di andare in kayak fino a Saint Pierre in cui vedrai splendidi pesci a pelo d’acqua.

Infine la Digue, la spiaggia del relax e della natura. Senza motori, a parte qualche eccezione, si gira in bici per andare ovunque. Le spiagge sono stupende e sono addirittura raggiungibili attraverso piccole vie nella giungla, in cui è facile perdersi, per cui bisogna stare molto attenti.

Le spiagge di Seychelles da vedere assolutamente

Oltre a quelli già elencati, ci sono anche altri piccoli gioielli che non puoi perderti nelle seychelles arcipelago dell’oceano indiano. Molto particolari e dotati di caratteristiche che non ritroverai mai sono isole di una bellezza infinita, come ad esempio la frégate island, un’isoletta privata, davvero piccola, che si raggiunge da Mahé dopo alcuni minuti di volo. È il regno delle coccole, del relax e della tranquillità, soprattutto nella rock spa.

Una seconda scelta oltre a quelle già elencate è la bird island, a un centinaio di chilometri dall’isola principale, la più a nord dell’arcipelago. Perché questo nome? Ovviamente perché qui ci sono uccelli marini in abbondanza. Un po’ come a la Digue, qui c’è tanto turismo ecosostenibile, per cui è una completa immersione nella natura.

Cosa mangiare e bere alle Seychelles

I luoghi di interesse Seychelles tengono conto anche di ciò che vi si può mangiare. Cerca sempre di scegliere i posti che propongono i prodotti e i cibi più tipici della cucina creola, una cucina molto ricca, che risente delle varie influenze dei popoli che sono arrivati in questo arcipelago.

Essendo un insieme di isole, inevitabilmente le specialità sono a base di pesce: dai tonni alle cernie, dagli scombri alle orate, non hai che l’imbarazzo della scelta. Molto amato è il curry con cui è possibile arricchire il riso di accompagnamento. Non mancano i dolci, la maggior parte dei quali è a base di frutta. I vari pasti di solito sono accompagnati da semplice acqua da bere.

Come arrivare alle Seychelles

Prima di partire non è obbligatoria, ma è consigliabile fare un’assicurazione sanitaria viaggio Seychelles, in modo tale da non avere sgraditi problemi. Detto ciò, ovviamente per arrivare alle Seychelles non puoi far altro che partire con l’aereo. Ci sono ormai tantissime compagnie internazionali che si muovono in queste isole.

Dall’Italia l’unica pecca è che non c’è un volo diretto ma devi sempre contare di fare almeno uno scalo. Porta con te i classici documenti di viaggio, anche fotocopiati in caso di problemi con la valigia. Non dimenticare il passaporto. Se hai qualche urgenza o qualche problema purtroppo non è presente l’ambasciata italiana nell’arcipelago, ma dovrai far riferimento a quella di Nairobi.

advertisement